CSF Carmagnola: Bussano-Cuna, nuovi allenatori qualificati Uefa C per il settore giovanile di calcio

Lo scrittore siciliano Andrea Borgia: “Carmagnola mi ha ispirato: così è uscito il mio primo libro”
11 Dicembre 2020
Carmagnola, Buoni di Natale: ora è possibile usufruirne
14 Dicembre 2020

CSF Carmagnola: Bussano-Cuna, nuovi allenatori qualificati Uefa C per il settore giovanile di calcio

Attraverso un comunicato emesso direttamente dalla Figc a Firenze lo scorso 9 dicembre, per conto del presidente Demetrio Albertini e del segretario Paolo Piani, i mister del CSF Carmagnola Enrico Bussano e Alessandro Cuna sono stati promossi ufficialmente allenatori qualificati con patentino Uefa C nel settore giovanile e scolastico. Il corso è iniziato il 22 giugno ed è terminato il 27 settembre scorso.

Per il quarantunenne Enrico si tratta di un’esperienza unica,  arrivata anche in occasione del primo anno all’attivo da allenatore con la categoria Giovanissimi Under 15 del CSF. Per  il quasi venticinquenne Alessandro (il prossimo 23 dicembre), invece, la conferma di un lavoro cresciuto col tempo, dopo una serie di esperienze sul campo come tecnico delle giovanili. Quest’anno con i Primi Calci del 2013.  

«L’abilitazione da allenatore Uefa C è un’attestazione europea. – ha sottolineato Bussano – Con questo patentino avremo d’ora in avanti la possibilità di allenare qualsiasi squadra a livello giovanile, dai Piccoli Amici fino alla Juniores. La regola è valida sia per le dilettantistiche, come il nostro CSF Carmagnola, sia professionistiche. Per accedere a questo corso regionale è stata presentata una domanda in graduatoria in cui sono stati ammessi 120 partecipanti (su 750 richiedenti), in cui rientravamo io e Alessandro Cuna. Si sarebbe dovuto affrontare frontalmente in classe, ma, in ragione dell’emergenza Covid, lo stesso si è tenuto ovviamente on line».  

«Dal 22 giugno al 31 luglio abbiamo seguito tutti i giorni lezioni da 3 ore ciascuna. – ha proseguito – Le materie riguardavano con precisione il “regolamento di gioco”, “medicina”, “psicopedagogia”,  “carte federali”, “tecnica calcistica” e “metodologia”. Per le ultime due in questione, vi erano la teoria e la pratica. Abbiamo infatti vissuto il campo per l’intero mese di settembre durante i weekend (sabato e domenica mattina,  nonché domenica pomeriggio) al campo del Barracuda di Torino. Come docenti abbiamo avuto note personalità come Gianni Di Guida e Stefano Guidoni. Per i vari temi sono stati superati esami impegnativi, sia teorici, sia scritti che orali, come la tecnica sportiva. Il tema della tesi finale riguardava il gesto tecnico sovrapposizione nella categoria Allievi. Io, a differenza di Cuna, sono un po’ atipico rispetto agli allenatori con esperienza alle spalle, perché sono arrivato a prendere un’abilitazione senza aver quasi mai allenato. – ha concluso –  Giudico formativo il confronto con altri allenatori sul campo, con cui sono nate amicizie».

Le parole dell’altro collega del Csf Cuna: «È  stata una bellissima esperienza, fatta di docenti molto validi e aspiranti allenatori.  Dura e ‘limitante’ personalmente, perché non dal vivo, la parte teorica svolta in estate in via telematica. Tengo a ringraziare i miei compagni di corso come Bussano, Luca Palermo e Antonino Lopreiato del Lenci, Giovanni Venere e Samuele Peisino del Cbs, compagni di tesina. In primis il mio grazie va però alla società del CSF per avermi dato la possibiità di ottenere questo risultato».