Inventarsi un lavoro si può: l’esempio di TAXI1729

Buona notizia per chi pensa di “inventarsi un lavoro”.
La notizia di oggi si chiama TAXI1729 ed è una società di formazione e comunicazione scientifica di Torino, fondata dai giovani Paolo Canova, Diego Rizzuto e Sara Zaccone nel 2009. Dopo gli studi e alcune esperienze in diversi campi i tre hanno deciso di mettersi all’opera per realizzare un fine molto particolare: raccontare la scienza e la matematica con il rigore e la precisione che sono loro propri, ma aggiungendo a ciò entusiasmo, creatività, e impegno sociale.

I fondatori di TAXI1729.

I fondatori di TAXI1729.

Un esempio pratico è la campagna “Fate il nostro gioco”, nata nel 2009 e relativa al fenomeno del gioco d’azzardo. Chiunque, almeno una volta, avrà pensato di poter essere il vincitore del montepremi del Superenalotto o di cambiare la propria vita con un gratta e vinci, lo scopo dei ragazzi di TAXI1729 è di spiegare matematicamente quali sono le probabilità che ciò accada davvero, e quanto, quindi, questa speranza debba condizionare la nostra vita. Niente di nuovo, si potrebbe pensare, le campagne e gli incontri per scoraggiare la dipendenza dal gioco sono numerosissimi, ma in quanti di questi si simula l’estrazione dei numeri vincenti di “Win for Life”, si racconta dell’errore di ragionamento che portò all’assoluzione di O.J. Simpson in uno dei processi più seguiti d’America, o ancora, la storia di Roy Sullivan, colpito da un fulmine 7 volte? Questo e molto altro avviene, invece, durante la conferenza spettacolo che la società sta portando in giro per tutta Italia, anche e soprattutto nelle scuole (il 24 ottobre scorso sono stati anche a Carmagnola).
Ancora più sorprendente la mostra interattiva, sempre dedicata al tema del gioco e già allestita in diverse città, per la quale è stato ricostruito un vero e proprio casinò in cui i visitatori possono giocare le proprie fiches per scoprire in modo originale e divertente le probabilità di vincita, i margini di guadagno del banco e le leggi matematiche che regolano le scommesse e le strategie di vittoria.
“Nella mostra tutte le emozioni sono autentiche, solo i soldi persi al gioco non sono veri” scrivono gli ideatori per descrivere il progetto.DSC_5693 copia
In quest’ambito TAXI1929 offre anche un corso di formazione per operatori e un corso di approfondimento per studenti e docenti.
Le attività della società non si fermano qui, un altro campo in cui essa di contraddistingue, per esempio, sono i corsi di preparazione per i test d’ingresso alle facoltà a numero chiuso in campo sanitario, con prezzi competitivi e insegnanti giovani e qualificati.
A cinque anni dalla nascita questa realtà vanta già una lunga serie di collaborazioni importanti come quelle con Rai, Libera e l’Università degli Studi di Torino, ed è diventata un vero e proprio lavoro per i fondatori e non solo.
Sempre più spesso noi giovani ci sentiamo dire che, in mancanza di altre possibilità, il lavoro dobbiamo inventarcelo. L’affermazione spesso può risultare spiazzante, quasi come quella dell’allora presidente del consiglio Mario Monti, che nel 2012 disse che il lavoro fisso è monotono e i ragazzi dovevano imparare a rinunciare a questa certezza. È giusto adattarsi al cambiamento e rassegnarsi al fatto che il nostro rapporto con il mondo del lavoro non sarà mai simile a quello che hanno avuto i nostri genitori? Probabilmente non esiste una risposta univoca a questa domanda, ma TAXI1729 è uno degli esempi che dimostrano che inventarsi un lavoro è possibile, e lo si può fare senza rinnegare le proprie passioni e i propri studi e facendo qualcosa di utile a tutti, non solo alle proprie tasche.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone