Cloud computing, dov’è la sostenibilità?

Il Cloud computing è sempre più presente nella vita di molte aziende, associazioni, privati cittadini, migliorando indubbiamente l’efficienza del lavoro di squadra e l’accesso ai documenti. Uno dei presunti vantaggi del cloud dovrebbe anche essere quello della sostenibilità ambientale, e tutti i maggiori fornitori di servizi di questo genere non mancano mai l’appuntamento per decantarne i pregi. Ma quanto veramente il cloud può dirsi sostenibile?

Wmf_sdtpa_servers_2009-01-20_36

Partendo dalla più celebre nuvoletta del mondo, quella di DropBox, sino ad altri famosi servizi come Google Drive o Amazon Cloud Drive, è sempre più logico e comune pensare di archiviare i propri dati nella rete, affidando ciecamente le proprie memorie più care a server dislocati in tutto il mondo. Non solo file personali, ma anche documenti aziendali, che vengono editati da persone che lavorano da casa propria, con notevoli vantaggi. Meno spostamenti, meno dispositivi di memoria al lavoro. Oggi con un semplice Notebook connesso alla rete è possibile mettere mano su centinaia di gigabyte di materiale.

Dieci dispendiosi hard disk si trasformano in un server in Islanda, diverse sessioni di lavoro fisiche si trasformano in un documento condiviso su Drive, in un veloce ed inesorabile processo di digitalizzazione delle attività e del lavoro delle persone. Quanto questo è veramente sostenibile?

Il vantaggio maggiore del Cloud computing è dato dalla condivisione delle risorse, come se un treno trasportasse 400 passeggeri. Al contrario se ogni passeggero prendesse la propria auto per lo stesso tragitto si creerebbero inefficienze. Tuttavia la preoccupazione maggiore oggi è data dal fatto che le spese per mantenere energeticamente i server sempre più grandi che offrono la piattaforma per tutti i servizi di cloud (oggi enormemente diffusi) stanno crescendo a ritmi esponenziali.

Basti pensare che il 60% circa dell’energia viene spesa per il raffreddamento dei server, che troppo spesso ancora utilizzano fonti non rinnovabili. Quale il futuro? Sicuramente l’energia verde è il grande step da affrontare. Compagnie come Apple, Facebook e Amazon si vantano di utilizzare il 100% di energia rinnovabile, ma purtroppo le inefficienze sono ancora all’ordine del giorno e se si vuole veramente considerare il Cloud quale uno strumento sostenibile, occorrono azioni decise, oggi.

Per approfondire: BBC

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone