NUOVO OSPEDALE ASLTO5: E’ SCONTRO SUL SITO DI COSTRUZIONE

“La scelta del sito dove sorgerà il nuovo ospedale sarà una operazione assolutamente trasparente” Così aveva affermato l’assessore regionale alla sanità Antonio Saitta concludendo l’incontro con i carmagnolesi lo scorso 21 marzo al teatro Elios. Mentre si sta avvicinando il termine di valutazione delle candidature non mancano polemiche e prese di posizioni piuttosto circostanziate. Le ultime notizie in merito danno per favorita la zona lungo l’asse Moncalieri Trofarello Cambiano con due possibilità: un’area demaniale a Cambiano al confine con Trofarello ospedale20unico201ampliabile su terreno agricolo, e un’area a Moncalieri in località Sanda Vadò su territorio agricolo ed esondabile. A questo punto parrebbe esclusa l’ipotesi Villastellone e l’utilizzo dell’area ex Stars: non ci stanno i sindaci del carmagnolese capitanati da Davide Nicco sindaco di Villastellone e Ivana Gaveglio sindaco di Carmagnola in quanto ricordano che l’area ex Stars, 250mila mq, dispone già delle infrastrutture necessarie con la disponibilità della proprietà a cedere l’area permutandola con altri stabili di pari valore e a consegnare il terreno del tutto sgombro dopo la demolizione dei capannoni , terreno che è già stato bonificato nei mesi scorsi. Torna alla memoria la vicenda Ikea che non aveva potuto realizzare un grosso insediamento a La Loggia, con le relative ricadute professionali e commerciali per la zona, in quanto avrebbe utilizzato terreno agricolo, vincolo imposto dalla Provincia di Torino all’epoca presieduta proprio da Antonio Saitta. Si dice però che per utilità sociale certi vincoli si possano superare! L’area di Villastellone, dicono, non è baricentrica rispetto al territorio dell’Asl To5: maliziosamente si può pensare che non è Moncaliericentrica! I sindaci del carmagnolese non demordono, si dichiarano disponibili a ricorrere al Tar e al Consiglio di Stato se le argomentazioni non saranno prese in considerazione. Intanto l’assessore Saitta lo scorso 24 agosto ha annunciato un nuovo passo avanti nell’iter per la realizzazione del nuovo ospedale: “nella manovra di assestamento del bilancio regionale, di cui la Giunta regionale ha discusso questa mattina nella prima seduta dopo la pausa estiva, saranno impegnati 10 milioni di euro per la realizzazione dei nuovi ospedali dell’ASLTO5 e del VCO. Si tratta dell’impegno nero su bianco della percentuale del 5% sull’ammontare della spesa complessiva, che la Regione Piemonte deve prevedere per poter presentare al Roma gli studi di fattibilità – ha spiegato l’assessore, che ha aggiunto – si tratta di un ulteriore, importante passo avanti nell’iter per la realizzazione del nuovo ospedale dell’ASLTO5: appena lo studio di fattibilità sarà pronto, potremo portare a Roma non solo i progetti, ma anche la quota di cofinanziamento regionale prevista dalla legge”.

M.B.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone