Nuova sede CRI. Il punto sui lavori.

Siamo andati a fare un sopraluogo nel cantiere di via G.G.Piscina dove è in costruzione la nuova sede CRI di Carmagnola. Ci ha accompagnati Renato Crisafi che conosce ad occhi chiusi l’impianto perché, fin dall’inizio, affianca il direttore dei lavori (che è il WP_20160606_17_32_23_ProGeom. Ilario Tesio) in tutte le fasi di avanzamento d’opera. La struttura portante è finita da tempo e, con fine giugno, è stata completata tutta la muratura esterna e quella interna per la suddivisione dei locali. Questo vale sia per il piano terra dove saranno collocati l’ autorimessa ed i locali di soggiorno dei volontari , sia al primo piano dove saranno sistemate le camere da letto del personale addetto alle squadre di emergenza, quelle dei volontari , la cucina, la sala da pranzo e l’ampio salone per i corsi. A breve inizieranno i lavori idraulici a cui faranno seguito quelli elettrici. Incuriosiscono molte persone quei due vani che bucano il tetto verso l’alto. Il vano verso sud (verso l’ospedale) è semplicemente la copertura della scala di sicurezza; quello verso nord-ovest (verso l’ex palazzina Enel) è un locale tecnico che ospiterà la centrale elettrica, termica ed altro similare. Nel mese di aprile sono arrivate in sede molte telefonate allarmate di carmagnolesi che temevano nella sospensione dei lavori per mancanza fondi od irregolarità edilizie. Effettivamente, in quel periodo, il cantiere è rimasto fermo per una ventina di giorni ma per un motivo di routine: il collaudo della struttura portante. Si sono dovuti prima posizionare e poi rimuovere dei sensori sistemati nelle tre solette dell’edificio per poter procedere ai calcoli di carico. Ora tutto procede a pieno ritmo. Lo stato di avanzamento lavori è in linea con quanto preventivato dal capitolato. I lavori dovrebbero terminare entro l’estate del 2017.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone