Giovani carmagnolesi: onore al 25 aprile sulle note di “Bella Ciao”

Una commemorazione all’insegna della partecipazione gio- vanile quella che quest’anno ha affiancato le celebrazioni tradizionali del 25 aprile, animando il nostro centro cittadino fin dal mattino.I giovani carmagnolesi infatti hanno voluto dare il proprio contributo ai festeggiamenti organizzando autonomamente un “flash mob”, ovvero una manifestazione spontanea e non ufficialmente prevista dal programma della giornata, che ha avuto luogo in piazza S. Agostino.

 

Al termine del canonico corteo istituzionale, soffermatosi nei luoghi della città simbolicamente legati alla Resistenza e seguito da discorsi conclusivi dell’ex sindaco Angelo Elia (oratore Anpi) e del sindaco Silvia Testa, i ragazzi hanno “invaso” la piazza ballando sulle note del famoso inno par- tigiano “Bella ciao”.

La coreografia è stata seguita da una serie di interventi sul tema della Costituzione e dell’impegno giovanile, culminati in una rappresentazione simbolica volta a commemorare alcuni cittadini carmagnolesi scomparsi durante la Seconda Guerra Mondiale militando nella Resistenza partigiana.

Al termine delle celebrazioni ha avuto luogo per le vie del centro storico la seconda edizione del “Pranzo del partigia- no”, organizzato da Comune di Carmagnola, sezione Anpi Carmagnola, Consulta giovanile carmagnolese, presidio di Libera “Il karma di Ulysses”, Circolo Arci Margot ed infine dall’associazione Karmadonne, che si è occupata della pre- parazione dei piatti serviti durante il pranzo.

Buono il riscontro dell’iniziativa, che è giunta a contare cir- ca 180 partecipanti in totale.
Un’occasione per dimostrare la voglia di fare e l’impegno che i giovani sanno e possono dare alla comunità, espri- mendo in modo inedito l’importanza di una ricorrenza, come la Liberazione dal fascismo, che non si dovrebbe mai dimenticare.

Giulia Gaveglio

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone