Bilancio: si continuano a pagare i debiti della passata amministrazione

“Il 2013 è stato un altro anno difficile ha detto l’assessore al bilancio Gianni Cavallini è, infatti, proseguita la sempre più necessaria opera di riequilibrio del Comune per cercare di sanare la difficile situazione finanziaria ereditata dalla precedente amministrazione. In particolare nel 2013 sono state smaltite gran parte delle somme dovute ai creditori per l’esecuzione di opere pubbliche e altri investimenti. La giacenza di questi debiti, che alla fine del 2010 era di euro 1.803.655,76 e alla fine del 2011 aveva toccato il tetto di euro 2.055.329,04, al 31.12.2013 si è ridotta a euro 300.320,85 (com- prensivi di contributi promessi dall’amministrazione Surra per euro 90.000,00)”.

Le continue modifiche legislative all’assetto della finanza locale hanno fortemente ostacolato la programmazione in tutto l’anno e il Comune ha dovuto “navigare a vista”. “La spesa corrente – dice ancora Cavallini è stata comunque contenuta al di sotto del dato 2012 (16.212.043,23, nel 2012 era
stata di 16.260.357,72), mantenendo oltre un milione di economie rispetto al 2010, ultimo anno completo dell’amministrazione Surra, quando furono spesi in parte corrente euro 17.279.060,42. Ricordiamo che i tagli all’entrata derivanti dalla spending review statale dal 2011 al 2013 ammontano a oltre un milione di euro e che nel 2013 non è stato apportato alcun aumento alle aliquote fiscali di competenza del Comune. Altro dato significativo è dato dalla forte riduzione dell’indebitamento complessivo da mutui, che nel 2010 ammontava a euro 24.794,741,86 e nel 2013 si è ridotto a euro 21.515,350,52, cui vanno aggiunti euro 859.388,44 derivanti dal D.L. 35/2013 “Sblocca-debiti”.

Il patto di stabilità è stato rispettato con un ampio margine (euro 153.000,00), nonostante gli obiettivi diventino di anno in anno più ardui”.
L’inderogabile risanamento finanziario continua a condizionare e rallentare la piena attuazione del programma amministrativo: tuttavia nel 2013 è stato sottoscritto un nuovo contratto per l’illuminazione pubblica includendovi l’impiego di lampade a basso consumo energetico (led in almeno duemila punti luce), è stato rivisto il contratto del trasporto urbano per ovviare al taglio fatto dalla Regione, si è rinnovata la gestione del canile, sono state avviate nuove iniziative di valorizzazione delle produzioni agricole locali, si sono attivamente ricercati e in parte già con- seguiti finanziamenti extra-comunali per azioni di sviluppo locale e interventi sull’edilizia scolastica e sportiva, sono state completate l’attivazione del wifi libero in alcune aree del centro e l’estensione della banda larga alle frazioni che ne erano sprovviste, è stato dato pieno adempi- mento alle nuove, esigenti prescrizioni di legge sulla trasparenza.

“Le prospettive per il 2014 – conclude l’assessore – si presentano ancora più difficili, per i nuovi tagli e un arduo saldo obiettivo del patto di stabilità, che ci obbligherà a raggiungere saldi finanziari positivi, sia in parte corrente sia in conto capitale per almeno un milione di euro, ciò nonostante abbiamo impostato un coraggioso piano pluriennale d’investimenti, da mettere in atto se si concretizzerà l’alleggerimento del patto ora prospettato dal governo nazionale”.

 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone