Agevolazioni auto per disabili: novità per i minori

L’Agenzia delle Entrate con la Circolare N 11/E/2014 ha chiarito due questioni:

a) Limiti temporali in caso di furto: devono trascorrere quattro anni prima di poter accedere nuovamente all’IVA agevolata o alla detrazione IRPEF. Tuttavia la normativa vigente prevede espressamente un’eccezione. La persona disabile può fruire della detrazione per l’acquisto di un nuovo veicolo prima della fine del quadriennio anche nell’ipotesi in cui il primo veicolo sia stato rubato e non ritrovato. Non è, quindi, necessaria la cancellazione dal PRA, ma la sola attestazione della perdita di possesso. PRA, procedura non possibile se il veicolo è stato rubato ma non ritrovato. La Circolare 11/2014 finalmente sana il paradosso: il disabile dovrà esibire al concessionario la denuncia di furto del veicolo e la registrazione della “perdita di possesso” effettuata dal PRA per accedere nuovamente al beneficio IVA.

b) Minori e obbligo di adattamento al veicolo. La Circolare risponde ad un quesito relativo ad un minore riconosciuto titolare di indennità di frequenza, con certificazione di handicap grave (art. 3 comma 3, L. 104/1992) e che ai fini fiscali si tratta di “soggetto con ridotte o impedite capacità motorie permanenti”. Con le disposizioni fino ad oggi vigenti la persona (o il familiare di cui sia fiscalmente a carico) ha diritto alle agevolazioni fiscali – IVA agevolata, detrazione Irpef – solo a condizione che adatti il veicolo al trasporto o alla guida. La Circolare, considerando la minore età, che non è possibile stabilire a priori la necessità di adattare obbligatoriamente il veicolo, che sono state ammesse alle agevolazioni persone con varie disabilità a prescindere dall’adattamento del veicolo (ciechi, sordi, disabilità intellettive gravi, gravi limitazioni della deambulazione), rivede radicalmente le precedenti prescrizioni. Quindi nel caso di minore età si può prescindere dall’adattamento obbligatorio del veicolo. Devono però ricorrere alcune condizioni: il minore deve essere riconosciuto persona con handicap grave (art. 3, comma 3, L. 104/1992) e nel verbale deve espressamente essere indicato che si tratta di “soggetto con ridotte o impedite capacità motorie permanenti” in base all’art. 8 Legge n. 449/1997. Nella sostanza, dopo la pubblicazione della nuova circolare, se il disabile è minore e con handicap grave, l’adattamento del veicolo non è mai obbligatorio. L’adattamento rimane, invece, obbligatorio per i maggiorenni indicati come “soggetti con ridotte o impedite capacità motorie permanenti Legge 449/1997”, nonché per i titolari di patente speciale con obbligo di particolari dispositivi di guida.

Fonte: HandyLex.org di Carlo Giacobini Direttore responsabile.

 

Sportello Informahandicap: via Bobba, 8 – Carmagnola – Orario: martedì e gio- vedì 16 – 18. Tel. 011. 9710196 – Fax. 011.9725723 E-mail: info@handicarma- gnola.it Sito: www.handicarmagnola.it 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone